Lezioni di project management #1: il progetto.

Sono un project manager, mica pizza e fichi

Come tutta la mia generazione, quando qualcuno mi chiede che lavoro faccio non so rispondere, e per non fare brutte figure gli dico “project manager” (che fa pure figo). Se qualcuno di voi volesse usare il mio trucco è bene però che sappia almeno che cos’è un progetto.

Niente paura, ve lo spiego io; mica per altro sono un project manager 😉

Se state aspettando un bambino – no, non davanti alla scuola, ma perché siete incinta – senza saperlo, state sviluppando un progetto. No, non voglio dire che solo le donne incinte possono fare le pm, è una metafora. Ora vi spiego.

Un progetto è un insieme di attività finalizzate al raggiungimento di un obiettivo, ed è anche unico e tempificato.

Anche il parto è tempificato: il bambino nasce a una data prestabilita. Alcuni aspettano un po’ troppo, ma d’altronde anche i progetti spesso sforano i tempi.

E per il risultato è lo stesso: unico; non ci sono dubbi, ogni scarrafone è bello a mamma sua.

Durante la gravidanza, inoltre, le attività da svolgere sono tantissime. Non so se avete presente: “mi ci andrebbero delle fragole anche se è martedì grasso”, “fai te i letti che a me fa male la schiena”…

Qualcuno obietterà che le attività le svolgono in realtà tutti quelli che stanno intorno alla futura mamma, e lei per lo più dorme e si lamenta. Vero. E infatti è lì che sta il bello di essere un project manager! Ma questo lo racconteremo meglio un’altra volta.

LucaGuidi_3logic

Luca Guidi

Project Manager

PM di Iamboo. Per yStudium blogger e musa ispiratrice.

  • Niccolò Biondi

    Mi aspettavo che finissi con il concetto che il “progetto bimbo” lo completa una donna in 9 mesi e non si può pensare che assegnandoci 9 donne si possa realizzare in un mese…