Come sviluppare un sito web

CMS, plugin, codici e altre infinite possibilità che si celano dietro lo sviluppo di un sito internet

Se stai cercando informazioni su come sviluppare un sito web da solo, come creare il tuo sito gratis e come realizzare un sito internet in due giorni, sappi che questo NON è il post che fa per te.

Questo articolo, infatti, fa parte del filone inaugurato da Chiara circa due mesi fa a proposito di cosa c’è dietro il preventivo di un sito web. E come ben potete immaginare, dietro il preventivo, c’è anche tutta la parte di sviluppo: quella cosa un po’ “magica” che fa sì che un progetto e le aspettative del cliente diventino qualcosa navigabile per tutti e (si spera) bellissimo.

La verità è che ho provato a far scrivere questo post ad Antonio, il nostro santo sviluppatore, ma non ha voluto. Mi ha risposto che il suo lavoro è creare siti e il mio è coordinare lui che li crea (oltre a scrivere post) e quindi ero sicuramente in grado di scrivere meglio di lui. Giuro che comunque gliel’ho fatto rileggere.

Preventivo per lo sviluppo di un sito

Ma in quale modo si sviluppa un sito web?

Veniamo all’oggetto dell’articolo, però. In quanti modi si può sviluppare un sito web? Non infiniti, forse, ma di sicuro moltissimi. Prima di tutto dobbiamo dire che un sito web può basarsi su un CMS (Content Management System = Sistema di gestione dei contenuti) oppure no. Con un CMS i contenuti del sito possono essere gestiti con semplicità anche da chi non ha conoscenze informatiche, altrimenti è compito del webmaster occuparsi, tramite codice e programmazione, anche dell’inserimento, aggiornamento e modifica dei contenuti.

Ammettiamo che ormai la stragrande maggioranza dei siti, o almeno quelli che interessano ai nostri clienti (piccole e medie imprese), hanno bisogno di un CMS.
Anche quello dei CMS è un mondo tendente all’infinito: ci sono CMS famosissimi, internazionali, noti ai più e generalmente open source (WordPress, Drupal, Joomla!…), ci sono anche CMS proprietari, creati da qualcuno che magari non ha trovato le giuste soddisfazioni in quelli aperti e ha voluto creare il proprio sistema e preferisce non metterlo a disposizione di tutti.

Alcune agenzie di comunicazione fanno così: hanno il proprio CMS che si adatta ai più svariati utilizzi, permette di soddisfare le esigenze dei clienti in maniera molto flessibile, ma ha lo svantaggio (almeno dal lato del cliente) di legarti per tutta la vita del sito a quell’agenzia.

Perché noi prediligiamo WordPress per sviluppare siti

Noi, come yStudium, scegliamo quasi sempre di appoggiarci a WordPress, un CMS gratuito e open source, con una comunità di riferimento veramente grandissima.
I motivi per cui abbiamo fatto questa scelta sono:

  • La sua diffusione: quasi il 30% dei siti presenti su internet si basa su WordPress (più di un quarto del web). E quasi il 60% di tutti i siti che si basano su un CMS, usa WordPress. Giusto per darvi un’idea: la NASA ha scelto WordPress
  • La sua comunità: oltre agli oltre 500 sviluppatori, dipendenti di WordPress, che quotidianamente lavorano per tenerlo aggiornato e sicuro e che hanno rilasciato, dall’inizio a oggi quasi 200 aggiornamenti, c’è una community enorme. Ogni aggiornamento di sistema viene scaricato da almeno 50 milioni di persone: vuoi non trovare tra questi qualcuno che possa aiutarti?
  • La sua flessibilità: esistono oltre 50mila plugin che permettono di far tutto, dal gestire l’e-commerce, alla creazione del multilingua, all’ottimizzazione di forum e community online e via all’infinito.
  • La sua malleabilità: il codice di WordPress è open source, quindi è possibile riprenderlo e utilizzarlo come meglio crediamo a seconda delle esigenze dei nostri clienti.
  • Il suo essere SEO Friendly: grazie a WordPress, al suo codice pulito, alla sua comunità abbiamo sempre uno strumento in grado di adattarsi alle esigenze dell’algoritmo di Google e fare in modo che il sito non debba mai subire penalizzazioni.
  • La libertà che, grazie a WordPress, possiamo dare ai nostri clienti. Immagina: creiamo il tuo sito, ti piace, sei felice e vorresti per il resto della tua vita appoggiarti a noi per il suo sviluppo. E sai che cosa, noi ne siamo felicissimi. Ma poi capita che devi trasferirti in Cina e noi non possiamo seguirti (nonostante ci piacerebbe moltissimo): possiamo assicurarti che anche lì troverai uno sviluppatore che saprà sicuramente mettere le mani sul tuo sito. Aiutarti, modificarlo, esportarne i contenuti e via dicendo.

E a chi ci dice che non dobbiamo usare WordPress perché i siti fatti in WordPress sembrano tutti uguali che cosa diciamo? Facciamo vedere il nostro lavoro e nessuno trova più niente da dire!

Perché WordPress conviene

Ma insomma, quanto costa, sviluppare un sito web?

Che domanda complicata, non lo so. Davvero, non è che non voglio “rischiare” di darvi cifre che ci si ritorceranno contro. Non lo so davvero e vi spiego da cosa dipende:

  • Da ciò che volete che il vostro sito web faccia (un e-commerce non può costare, ovviamente, quanto il cosiddetto “sito vetrina”)
  • Dall’aspetto che volete che il vostro sito abbia (alcune soluzioni grafiche possono essere più difficili da implementare di altre)
  • Dal tipo di mantenimento di cui voi (e anche il sito che abbiamo creato) hanno bisogno
  • Dal fatto che raramente si vende solo lo sviluppo, si aggiungono progetto, grafica, contenuti e quindi non so esattamente scorporare la cifra del solo sviluppo del sito web.

Preventivo per sito sviluppato con WordPress

Posso però dirvi qualcosa di certo: non può costare 500 €. Chi vi vende un sito a 500 € o è un incapace (perché non sa quanto lavoro ci sta dietro) o è un ingenuo (perché non sa quanto vale il suo tempo) o è un furbo che vi lascerà con uno strumento poco funzionale, forse brutto e che molto probabilmente vi darà con problemi in futuro.

E così, anche il secondo tassello del preventivo di un sito web è stato spiegato. Continuate a seguirci per le prossime attività!

eleonoraRound

Eleonora Lollini

Copy

Copywriter puntigliosa, pressante e presuntuosa ma anche puntuale, precisa e positiva.