Il social media marketing dei ristoranti: come conquistare la fiducia del cliente. I consigli di Pia Cossu

Un concetto che mi sta particolarmente a cuore quando si parla di social media marketing per il turismo è quello dell’umanità. Chi cerca informazioni sui social sa che dietro il menù di un ristorante c’è un personale appassionato del proprio lavoro, esperienza ed espressione della propria personalità. Troppo spesso però gli imprenditori che usano i social network si dimenticano che anche dietro lo schermo ci sono persone in carne e ossa che desiderano emozionarsi osservando i piatti che si realizzano in cucina. Grazie ai social il cibo diventa una storia da raccontare e i consumatori desiderano conoscerla e condividerla.

Ti faccio un esempio: qualche giorno fa mi è arrivato un invito a mettere “Mi piace” su una fanpage per l’apertura di un nuovo ristorante-pizzeria. Il mio sguardo si è soffermato sulla bella foto di copertina e del logo che, come come impatto visivo, erano piuttosto differenti dalle foto appena postate. Una breve ricerca su Google ha purtroppo confermato il mio dubbio, il logo era scaricato dal web e la foto del piatto di copertina era stata salvata dal sito di un ristorante tedesco. Non presentare un piatto preparato nel ristorante mi è sembrato un paradosso.

Promuovi la tua unicità

Il TUO prodotto deve essere al centro di tutto, offline e online. Il cliente, vedendo una bella immagine di copertina ha già iniziato a sognare e se non lo ritrova nel ristorante viene a mancare la fiducia. Perciò, sii strategico usando foto d’impatto, ma non ingannare!
La presentazione è importante, ma ricordati di promuovere la tua unicità.

Cerca il punto di forza del tuo ristorante facendo leva su ciò in cui sei veramente specializzato. Sei forte con i secondi piatti di pesce? Usa una fotocamera professionale oppure uno smartphone di qualità, ma se ti manca il cosiddetto “occhio fotografico”, contatta un professionista in grado di valorizzare le tue squisitezze e mettile in evidenza.

Usa i tuoi profili social per fare visual storytelling. Ti sarà utile per rappresentare la tua identità. Trasmetti la tua passione, non dimenticare di mettere in risalto l’elemento umano. I clienti cercano sul web soprattutto fiducia e il food storytelling è l’unica strada per dare valore al tuo ristorante.

La politica del fai da te non funziona

Uno degli errori più comuni, quando si gestisce una fanpage è l’improvvisazione. Improvvisare significa anche perdere un’opportunità. Si rischia di dare una pessima immagine al turista e di ricevere una recensione negativa che potrebbe mettere a rischio la tua reputazione online.
Insomma, adottare la politica del social “fai da te” può essere uno degli errori più grandi.
L’aspetto visuale della tua pagina è essenziale per presentarti sul web.

Se il tuo è un piccolo ristorante e non hai molte risorse per farti curare la pagina da un social media manager, chiedi almeno ad un grafico di realizzare un logo studiato ad hoc e, possibilmente, rivolgiti a un consulente di visual storytelling per imparare l’arte di raccontare con le immagini e suscitare emozioni. La parte fotografica gioca infatti un ruolo fondamentale nel food storytelling.

Conquista la fiducia del tuo cliente

Infine, non dimenticarti mai che bisogna essere sempre coerenti con chi ti segue sui social. Comunicare con i tuoi clienti e raggiungere i turisti è una cosa bellissima e una grande opportunità che puoi sfruttare al meglio facendo “parlare” le immagini, ma per coinvolgerlo positivamente è sempre richiesta autenticità e fiducia.

Maria Pia Cossu social media manager

Maria Pia Cossu

Social Media Manager

Mi piace scrivere, leggere, creare e fotografare. Blogger, web designer, social media addicted