I consigli di lettura di marzo firmati yStudium

Ci risiamo con i consigli di lettura di yStudium: le “notizie social” di marzo di cui non puoi assolutamente fare a meno 😉 Sì, lo so, siamo in ritardo. Perdonaci, ma la Pasquetta è sacra e noi ce la siamo goduta anche grazie al meraviglioso commento di David Fregoli al nostro post di Facebook.

La polemica di Serra e gli addetti stampa gratis

Il fake dall'amaca di Serra sui social media manager.
Questo è il fake.

Su Michele Serra che si fa beffe di chi di mestiere scrive su twitter per altri si è detto molto; c’è pure stato un grosso fake. Alla fine sono poche righe un po’ da vetero-nonno-comunista e un po’ da persona che, legittimamente, cerca di smitizzare questo mondo.
Indubbiamente scrivere su twitter (anche per Gasparri) è un mestiere, visto che chi lo fa è retribuito (almeno spero). Poi è chiaro che scrivere su twitter e basta non è un mestiere.
Ci vuole elasticità, gente. E a volte anche un po’ di autoironia.
Del resto è difficile prendere le cose con leggerezza quando il Ministero dell’Interno cerca un addetto stampa esperto a titolo gratuito.

Preposizioni: falla breve

Per tutti quelli che scrivono su Twitter (per mestiere e non) ecco un bel post ricco di suggerimenti utili su come usare le preposizioni. Firmato da Luisa Carrada che scrive per altri come mestiere, quindi pagata. Ma scrive benissimo anche su Twitter, seppur non pagata.

La mappa degli strumenti per il content management

Per agevolare la vita a chi fa dei social il suo mestiere (sì, ormai è il leit motiv del post) ci sono parecchi strumenti, in verità non credevo fossero così tanti. Curata (che è uno di questi, peraltro) ha fatto una bella mappa di tutti i content management tools.

Google Nik Collection è gratis

Ma cos’è Google Nik Collection? Bella domanda. La prima risposta è “una figata”.
Se vogliamo scendere un po’ più nel dettaglio sono 7 plugin di foto editing creati da Google. Fino a poco tempo fa si pagavano 150 euro, ora sono gratis. Come minimo vale la pena provare, no?

Brunello Cucinelli lancia il bonus cultura

L’imprenditore umbro, noto in tutto il mondo per il suo cashmere e per la sua filosofia aziendale basata sulla volontà di (ri)dare dignità al lavoro, ha introdotto il bonus cultura per i suoi dipendenti. Cinema, teatro, libri e molto altro rimborsati dall’azienda: 500 euro per i single, 1000 per chi ha famiglia. Non è che sia proprio del nostro settore, ma è indubbiamente una bella notizia, no?

 

yStudium Staff

Un gruppo di professionisti che si uniscono anche per scrivere i post: perché l’unione fa la forza (e soprattutto il contenuto)