if2016-ilraccontoystudium

Non possiamo esimerci da un racconto “di pancia” (in molti sensi, e capirete presto perché) dell’Internet Festival 2016.

Sarà che abbiamo scelto bene gli interventi, sarà che siamo state fortunati, sarà che quest’anno il programma era più succoso, sarà probabilmente un misto di tutto, ma i talk e workshop che abbiamo seguito a questa sesta edizione dell’IF Forme di Futuro erano

“da fare venire l’acquolina in bocca”, e non perché si perché si parlava di cibo buono e vini pregiati, ma perché ho trovato gli interventi davvero interessanti. Ci siamo calati nel ruolo di PM per quanto riguarda l’organizzazione e nel ruolo di ufficio marketing per quanto riguarda la promozione.

Dice Martina parlando in particolare del workshop di venerdì mattina sul Marketing del Gusto e le fa eco Chiara:

Le due relatrici Luciana Squadrilli e Slawka Scarso hanno fornito un “kit” di buone pratiche per poter concepire e organizzare un evento enogastronomico, considerando che il settore enogastronomico “tira” molto, ma che d’altro canto oggi gli eventi sono all’ordine del giorno e spesso poco originali.

La stessa impressione l’ha avuta Annalisa dal workshop del giorno successivo sul Turismo enogastronomico. Sempre la stessa relatrice, Slawka Scarso, che ha fuso passione per il vino e laurea in economia, e che

È stata così brava che nonostante fossi probabilmente l’unica quasi astemia è stato interessante

In generale abbiamo tutte percepito un altissimo livello degli interventi: speaker colti e attenti alle esigenze del pubblico, argomenti mirati e su una sottile linea di interesse che risultava utile per le imprese ma anche per i tecnici del settore (il giovedì pomeriggio di Registro.it forse un po’ troppo da addetti al mestiere, ma di sicuro bellissimo!).

Però… Però… Però…

Wi-Fi DevItalia IF2016È possibile che dopo 6 anni ci sono ancora dei problemi di connessione a Internet all’Internet Festival?
Le location sono sempre belle e suggestive, ma sono praticamente dei bunker e il wi-fi “generosamente” fornito da DevItalia ti è concesso solo in cambio del tuo numero di telefono e di una autorizzazione all’invio di promozioni. Ma davvero? E pare anche non reggesse molto 😉

Insomma, stendiamo un velo pietoso sulla questione internet e chiudiamo con le parole di Celeste, che ci proiettano già all’anno prossimo:

Questo if2016 mi ha fatto riflettere sulla passione. Sulla passione di comunicare il proprio sapere. Mi ha fatto riflettere su una parte di strada personale e professionale che voglio consolidare. Mi ha dato, pur avendo seguito solo #ScenaDigitale, alcuni spunti che ovviamente, da grande tegame* quale sono, la mattina dopo ho piazzato subito nei primi 2 brief con nuovi clienti. Veni, vidi, vici.
Comunque il premio “Ci metto foga e passione perché ci credo” va a Enrico Marchetto che ha fatto i numeri sul palco e ci ha fatto impazzire con i fail sponsorizzati!
Peccato aver visto così poco, mi è rimasta fame :-)

Per la definizione di tegame in pisano… Stay tuned. A breve arriva post 😉

yStudium Staff

Un gruppo di professionisti che si uniscono anche per scrivere i post: perché l’unione fa la forza (e soprattutto il contenuto)