Dallo spazio via Twitter: Rosetta e la comunicazione della scienza

Dopo Samantha Cristoforetti, che per 4 mesi ci ha raccontato la vita nello spazio via Twitter, ora abbiamo anche Philae Lander, il robot della missione Rosetta.

Tra sabato 13 e domenica 14 giugno il robot Philae, atterrato a novembre sulla cometa 67P si è risvegliato dopo 7 mesi di silenzio e la notizia è arrivata al mondo con un tweet “direttamente” da lui

Rosetta è una navetta (e per estensione il nome della missione) dell’Agenzia Spaziale Europea. Partita nel 2004 per accompagnare il lander Philae sulla cometa 67P, a più di 300 milioni di chilometri dalla Terra, è arrivata a destinazione dopo 10 anni. Lo scopo dell’esperimento è raccogliere informazioni sulle comete anche per verificare l’ipotesi che la vita sia arrivata sulla Terra grazie a loro. Il lander ha avuto qualche problema di ancoraggio sulla superficie e probabilmente è caduto in un crepaccio, perdendo il contatto con la luce del sole che doveva alimentarlo. Dopo le prime analisi, per 7 mesi silenzio assoluto, poi il sole è tornato a illuminare Philae.

Per quanto la notizia sia grandiosa per i progressi che questo studio potrebbe portare, quello che affascina me è come l’Agenzia lo sta comunicando.

Prima di tutto esiste un sito: semplice, carino, accattivante. Tra le 5 voci del menù principale una è “For Media” e un’altra “For Kids”: l’Agenzia Spaziale Europea ha un sito dedicato ai bambini con voci di menù come “Lab” e “Divertimento”.

Inoltre c’è uno studio grafico: il risveglio di Philae è comunicato anche attraverso un simpatico disegnino (sicuramente preparato in anticipo) che riprende la grafica di cartoni animati creati per raccontare la missione.


E poi c’è Twitter, meraviglioso e sconvolgente: il robot e l’agenzia spaziale comunicano tra loro attraverso Twitter, come genitori e figlio, in maniera simpatica e umana.
Sarò una sentimentale, ma questa cosa mi ha sconvolto e riempito di emozione.

Pensate cosa significa per i bambini: chi non vorrebbe lavorare con e per la scienza con questi esempi?

Bravi, bravi, bravi: questo è il social web, a dispetto degli imbecilli di Umberto Eco.

Brava Samantha Cristoforetti perché oltre a tutto il resto è stata anche una formidabile divulgatrice, bravi tutti gli scienziati che capiscono quanto sia importante comunicare bene usando tutti gli strumenti a loro disposizione.

Grazie a tutti.

Condividi

Eleonora Lollini

Project Manager e socia - Puntigliosa, pressante e presuntuosa ma anche puntuale, precisa e positiva. In yStudium entro come web writer, continuo come project manager e mi evolvo in socia. Meglio di un Pokémon.

Potrebbe interessarti

Storie di marketing
28 Luglio 2021
Storie di marketing
10 Ottobre 2017
Storie di marketing
23 Maggio 2017
Storie di marketing
14 Marzo 2017
Storie di marketing
7 Marzo 2016

Cerca

Seguici sui social

    Contattaci


    Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla Privacy Policy

    Se hai bisogno scrivici, useremo la tua email solo per rispondere alla tua domanda.


      Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla Privacy Policy