Esercizi di stile: dal Wank Bank al Creativity Bank

Sarà il caldo o saranno gli spritz ma alla “cena aziendale” (ovvero l’hamburger + biliardino di qualche settimana fa) abbiamo avuto la geniale idea di scrivere un post sul wank bank.

Anzi, la geniale idea di dire alla copy: “Dai, scrivi un post sul wank bank!”.

Le migliori idee, i grandi discorsi, gli annunci, i progetti. E la partita a calcino, un must da creativi 😉 #yStudium #yCommunity #yLife

Posted by yStudium on Martedì 14 luglio 2015

Geniale.

E il motivo non è nemmeno vagamente SEO, è proprio così, per divertirsi… Vabbè, comunque, da buona web writer, ho trovato il modo di renderla almeno accettabile per il contesto.
Eccovi quindi niente più di un esercizio di stile: fatemi poi sapere come vi è sembrato.

Parto dalle basi, perché il 75% di noi l’altra sera non sapeva cosa fosse il wank bank, quindi è probabile che la maggior parte di voi non sia proprio esperta in materia (almeno lessicalmente parlando 😉 ).
Fatico poco e traduco pari pari la definizione dell’Urban Dictionary:

Una collezione di materiale usata come aiuto visivo durante la masturbazione.

In pratica: passeggiando, lavorando, bevendo un caffé (...) uno/a raccoglie immagini di persone gradevoli a cui ripensare prima di addormentarsi (o almeno questo è come lo spiegherei a mia nonna, se mai fossi obbligata a farlo).

Quello che non ho capito è se questo materiale è anche solo immaginato o se invece si devono proprio scattare foto o fare video.
Nel caso spero bene che siano immagini catturate di nascosto, sennò ti immagini? “ehm, mi scusi, signorina, posso scattarle una foto? A casa, accanto alla collezione di farfalle, ho un archivio di generose donzelle, come lei, che uso per il trastullo serale. Le dispiace?” .

Ok, ai fini dell’esercizio l’informazione della presenza fisica di un’immagine non è necessaria, ma casomai qualcuno di voi avesse informazioni, vi prego di farmelo sapere che a questo punto mi interessa non poco!

Una volta chiarito di cosa stiamo parlando, ecco la mia domanda per voi (e il clou del mio esercizio di stile):
Notate una qualche differenza tra il wank bank e quello che fa normalmente una qualsiasi persona che ha a che fare con la creatività?

Io no.

Alla fine, noi che siamo del mestiere (l’uno o l’altro?!), sappiamo che gli stimoli si nascondono dietro ogni angolo e si palesano quando meno te li aspetti.
Che siano fascinose donzelle / manzi da spiaggia o guizzi creativi, poco importa. Ti colpiscono e sbam, continui a pensarci tutto il giorno. Fino al momento in cui finalmente ti rilassi e hai il tempo per ripercorrere le tappe della giornata.

Un momento che potrebbe anche lasciarti l’amaro in bocca: la fascinosa donzella potrebbe essere, nel ricordo, meno fascinosa dell’impressione che ti ha fatto quando l’hai incontrata e il guizzo creativo potrebbe rivelarsi più sgonfio di quello che sembrava quando ti ha colpito le sinapsi.

Condividi

Eleonora Lollini

Project Manager e socia - Puntigliosa, pressante e presuntuosa ma anche puntuale, precisa e positiva. In yStudium entro come web writer, continuo come project manager e mi evolvo in socia. Meglio di un Pokémon.

Potrebbe interessarti

Spunti di formazione
8 Agosto 2021
Spunti di formazione
26 Marzo 2021
Spunti di formazione
30 Giugno 2018
Spunti di formazione
17 Ottobre 2017
Spunti di formazione
1 Agosto 2017
Spunti di formazione
9 Maggio 2017

Cerca

Seguici sui social

    Contattaci


    Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla Privacy Policy

    Se hai bisogno scrivici, useremo la tua email solo per rispondere alla tua domanda.


      Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla Privacy Policy