I messaggi vocali di Whatsapp possono avere un senso? (Spoiler) Sì

I messaggi vocali su Whatsapp sono tra i miei buoni propositi per il 2023. Ma il proposito non è “non usarli”, sarebbe una cosa troppo da boomer (sia il non usarli che il lamentarsene eccessivamente) e tra gli altri miei buoni propositi del 2023 c’è il ricordami che sono una millennial e non una boomer, sebbene mio figlio mi “cringi”.

Ovviamente non amo i messaggi vocali, ma non posso nemmeno dire che ogni tanto non facciano comodo. Anche se sarebbe importante che la comodità valesse sia per il mittente che per il destinatario.

I messaggi vocali, soprattutto su Whatsapp ma non solo, cominciarono a permeare le nostre vite dal 2017, nel 2018 The Esquire ci fece un articolo che noi tutti odiatori dei messaggi vocali ci ricondividevamo senza sosta per complimentarci con noi stessi. Da allora la moda del vocale non è per niente sparita, ma ha assunto svariate sfumature.

Al principio i messaggi vocali erano una questione di età

Correva l’anno 2018 e la nostra giovanissima social media manager - classe ‘93 - usava i messaggi vocali come il pane, anzi di più, perché era sempre un po’ a dieta. Una volta cedetti e gliene mandai uno io chiedendole scusa per il messaggio vocale. E lei mi rispose sinceramente stupita del fatto che io chiedessi scusa per un messaggio vocale. Il gap generazionale, agli albori dei vocali, era evidente e senza pietà.

Cominciare un vocale scusandosi per il vocale

Confesso che io tutt’oggi mi scuso per ogni messaggio vocale all’inizio di ogni messaggio vocale “Scusa il vocale, ma…” Forse manderei messaggi vocali molto più brevi se evitassi questa (falsa?) forma di cortesia.

Con Antonio, lo sviluppatore, lo facciamo sempre, soprattutto quando dobbiamo descrivere comportamenti dei siti e delle persone sui siti. Effettivamente è più semplice, funzionale e comodo. Meglio se, come Antonio, rimani efficiente ed efficace in pochi secondi e non ti dilunghi, come me tra pause e battute e finisci irrimediabilmente per superare il minuto e mezzo.

Anche Antonio esordisce sempre con le scuse per il messaggio vocale. 😉

Oggi i vocali di whatsapp sono ancora una questione di età?

Non so… Giuro di aver visto in palestra una ragazzina - direi classe 2004 - ascoltare un messaggio vocale di quindici minuti come se fosse una cosa del tutto normale.

Ho anche scoperto, grazie alla social media manager di alcuni clienti - classe 1996 - l’esistenza dei messaggi vocali su Skype. Non sono stata bene.

Eppure nel gruppo Whatsapp con il social media team del Pisa Folk Festival, con almeno 8 appena-ventenni, neppure un messaggio vocale. Nemmeno uno.

Tutto ciò forse dimostra che i molto giovani hanno interiorizzato lo strumento e lo usano correttamente?

I messaggi vocali - giuro, ho provato - possono essere efficienti sul lavoro

Messaggi vocali per lavoroQuesta è la vera scoperta di fine ‘22: mi hanno dimostrato che i vocali possono essere molto funzionali, se usati bene.

Dovevo scrivere in pochissimo tempo, brevi descrizioni per eventi abbastanza diversi tra loro. La mia committente, coetanea, mi ha chiesto il permesso di inviarmi vocali per spiegare il contenuto dell’evento e gli obiettivi che doveva avere il mio breve testo insieme a info tecniche (nomi, date, allegati) mandate per email.

Ho accettato ed ha funzionato benissimo: avremmo dovuto fare una breve chiamata/riunione perché lei potesse spiegarmi ogni volta tutto, ma data la mancanza di tempo e la comunicazione univoca, il vocale ha funzionato alla perfezione.

I 5 punti fondativi per i “meglio messaggi vocali” - almeno per me

Alla luce di tutto questo, quindi, non vi stupirete che il mio proposito per il 2023 sarà mandare "messaggi vocali meglio" su Whatsapp. No, su Skype non li manderò più.

Questi i 5 punti che essenziali per definire “meglio” un messaggio vocale (spero valgano per me come per chi li riceve):

  1. MAI mandare un vocale se il messaggio deve essere letto subito.
    Come ad esempio dover dire alla persona con cui hai un appuntamento “ti aspetto in piazza invece che in fondo alla via”
  2. MAI se sono comodi solo per me.
    Evitare sempre il “Scusa, ti mando un vocale perché sto guidando” (non vale: posso fermarmi e scrivere o scrivere dopo o partire più tardi)
  3. SÌ se servono per spiegare più chiaramente un meccanismo complesso.
    Che sia come deve funzionare un form sul sito o spiegare al mio compagno perché ritengo che mio figlio non debba usare la Switch oggi perché sta sviluppando comportamenti da tossicodipendente.
  4. SOLO se preceduto da un messaggio scritto che ne anticipa il contenuto e rassicura sulla sua non urgenza
  5. SÌ se mi serve a ricevere o mandare aggiornamenti sulla vita di amicizie lontane.
    Ad esempio ho un amico che vive in Colombia e mi manda messaggi vocali da 10 minuti. Li ascolto come fossero podcast e lo ripago con la stessa moneta.

Condividi

Eleonora Lollini

Project Manager e socia - Puntigliosa, pressante e presuntuosa ma anche puntuale, precisa e positiva. In yStudium entro come web writer, continuo come project manager e mi evolvo in socia. Meglio di un Pokémon.

Potrebbe interessarti

Pillole di comunicazione
11 Marzo 2022
Pillole di comunicazione
11 Ottobre 2021
Pillole di comunicazione
25 Luglio 2021
Pillole di comunicazione
31 Marzo 2021
Pillole di comunicazione
25 Settembre 2018
Pillole di comunicazione
10 Settembre 2018

Cerca

Seguici sui social

    Contattaci


    Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla Privacy Policy

    Se hai bisogno scrivici, useremo la tua email solo per rispondere alla tua domanda.


      Autorizzo all'utilizzo dei miei dati per la risposta, come da informativa sulla Privacy Policy